domenica 15 marzo 2015

21 MARZO: CELEBRAZIONE IN MUSICA DAL VIVO DA SHERPA


21 MARZO: Celebrazione in Musica dal vivo da Sherpa




"Quello che cerco di trasmettervi è una specie di musica che ho sentito. Non l'ho udita a parole. È il suono dell'acqua che scorre. 
È il vento che fruscia tra i pini, è il canto degli uccelli. È il silenzio dell'oscurità. 
È la danza dei raggi del sole. Ed è ovunque. Ma è una musica, e se voi non sapete comprendere questa musica, non sarete in grado di comprendere me." Osho



Nel giorno dell’inizio della primavera ricade l’anniversario dell’ illuminazione del Mistico Illuminato  Osho … Celebriamo in meditazione e musica questo momento di risveglio….
MUSICA DAL VIVO IN MEDITAZIONE
SABATO 21 MARZO ore 21
Da Sherpa, Roma, Via dei Falegnami 7




Con Vito Andrea Arcomano chitarra acustica
Claudio Madaudo flauto indiano
Nirjano Attinà percussioni
Gaetano Ferrara basso elettrico
Jyoti de Gregorio




….avevo 21 anni, fu un periodo di crisi nervosa e di trasformazione. Naturalmente, coloro che mi amavano,la famiglia, gli amici, i professori,potevano capire ben poco di ciò che stava accadendo in me: perché ero tanto diverso dagli altri bambini, perché stavo seduto per ore e occhi chiusi, perché stavo seduto sulla riva del fiume a guardare il cielo per ore, a volte per tutta la notte!... Naturalmente, coloro che non potevano capire queste cose mi presero per matto. A casa ero diventato praticamente assente. A poco a poco smisero di chiedermi alcunché e, piano piano, cominciarono ad avere la sensazione che non ci fossi. Amavo il modo in cui ero diventato un nulla, un nessuno, un'assenza. Quell'anno fu terribile. Ero circondato dal nulla, dal vuoto. Avevo perso tutti i contatti con il mondo. Se qualcuno mi ricordava di fare un bagno, lo facevo per ore. Poi dovevano bussare alla porta e dirmi: "Adesso esci dal bagno. Ti sei lavato quanto basta per un mese! Esci". Se mi ricordavano di mangiare, mangiavo; altrimenti passavo giorni senza toccare cibo. Non che stessi digiunando; non pensavo minimamente a mangiare o a digiunare. La mia unica preoccupazione era di andare sempre più in profondità dentro me stesso. E la soglia era tanto magnetica, l'attrazione così forte simile a ciò che i fisici chiamano un buco nero. (...)

Per l'incontro è richiesto un contributo

per info e adesioni:
Jyoti 3401587793
Sherpa 0664760513












Nessun commento:

Posta un commento